Alcune cose da sapere

Alcune cose da sapere 2017-04-14T19:34:26+00:00

Gli Ingegneri sono obbligati a stipulare una polizza di RC Professionale?

Si, Architetti – Geometri – Ingegneri che svolgono attività libero professionale, a far data dal 13 agosto 2013, sono obbligati alla stipula di una polizza di RC Professionale.

In forza di quale prescrizione scatta l’obbligo?

In attuazione della Legge di conversione nr.148/2011 del D.L. 13 Agosto 2011 nr.138, dal 13 agosto 2013 è entrato in vigore l’obbligo della stipula di una polizza di RC Professionale.

In particolare l’art.3, comma 5, lettera e, del D.L. 138/11, sancisce che a tutela del Cliente il professionista è tenuto a stipulare idonea assicurazione per i rischi derivanti dall’esercizio dell’attività professionale.

Quindi il professionista è obbligato a stipulare una polizza che debba tenere indenni i terzi per le perdite patrimoniali involontariamente cagionate nell’esercizio della professione, a seguito di violazione dei doveri professionali, errori ed omissioni per colpa e colpa grave (ovviamente resta ecluso il dolo).

Per chi vige tale obbligo?

Per tutti gli iscitti ai vari Ordini Professionali che esercitano l’attività libero professionale. Alcuni pareri interpretano fra le righe della Legge la necessità che il professionista operi “in modo effettivo”. Pertanto secondo questa chiave di lettura chiunque, anche occasionalmente, presti la propria opera professionale in forma autonoma è soggetto all’obbligo. Sono esclusi, quindi, coloro i quali sono: dipendenti di Studi professionali, dipendenti di Enti Pubblici e Pubbliche Amministrazioni in generale (i quali peraltro rispondono di RC Patrimoniale e non di RC Professionale).

Vanno comunicati al Cliente gli estremi della polizza professionale?

Il Decreto Legge 24 gennaio 2012 nr.1, all’art. 9, comma 3, ha sancito inoltre che Il professionista deve …omissis… dal momento del conferimento alla conclusione dell’incarico …omissis… indicare i dati della polizza assicurativa per i danni provocati nell’esercizio dell’attività professionale, il relativo massimale ed ogni variazione successiva.

Esistono delle sanzioni a carico di chi non adempie all’obbligo?

Saranno gli Ordini Professionali a stabilire i profili sanzionatori e le modalità di controllo per i propri iscritti inadempienti.

Come si è mosso il CNI?

Il Consiglio Nazionale degli Ingegneri ha inviato agli Ordini Provinciali la circolare nr.250/XVIII Sess., con la quale reso edotti gli iscritti dei risultati delle valutazioni e comparazioni effettuate dal Centro Studi su una serie di prodotti offerti dal mercato assicurativo.

Tale studio del Centro Studi del CNI è partito con lo stabilire alcuni elementi essenziali che dovevano necessariamente essere contenuti nei prodotti assicurativi da proporre agli iscritti del CNI, nella tutela degli interessi del singolo professionista che – al momento della stipula – avrebbe fatto fatica senza un supporto a cogliere tali sottili (ma a nostro avviso sostanziali) differenze. Anche perchè il mercato assicurativo offre una miriade di soluzioni, per certi versi simili, anche nel prezzo, che magari possono essere sostanzialmente differenti nel testo (anche due prodotti a marchio LLOYD’S possono sembrare uguali identici fra loro, ma avere sottili, sostanziali differenze).

Come si è mosso l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bari?

Il consiglio dell’Ordine di Bari ha stipulato un accordo con noi che, in qualità di Broker, al fine di:

  • offrire una consulenza (gratuita) nella stipula di una polizza di RC Professionale ed offrire assistenza nella eventuale gestione del sinistro (ci sono altre convenzioni nelle quali – da quanto mi riferite voi stessi ingegneri – la gestione del sinistro è seriamente problematica, poichè viene gestito tutto a distanza e via mail, quindi risulta quantomeno complicato chiedere alcun consiglio, pertanto è più facile incappare in errori);
  • reperire sul mercato altre Convenzioni nell’interesse degli iscritti come: RC AUTO, TUTELA LEGALE, POLIZZA INFORTUNI CON ACCESSO AI CANTIERI, ALTRO DI ITERESSE DEGLI ISCRITTI.
  • offrire la propria disponibilità per tenere corsi di formazione anche periodici e di aggiornamento sulla RC Professionale.

Come contattarci/incontrarci?

  • presso la nostra sede è Via Sagarriga Visconti nr.77 – 70122 Bari (angolo fra Via Putignani e Via Principe Amedeo). Orari di apertura al pubblico, dal lunedi al venerdi, dalle ore 09.00 alle 13.00 (il pomeriggio si riceve su appuntamento).
  • contattandoci via mail info@probroker.it, telefono 0805218879, fax 0802220303, Cellulare 3478722818 (Filippo Moschetti).
  • presso la sede dell’Ordine Provinciale (il lunedi dalle 16.00 alle 18.00 solo previo appuntamento);

E’ possibile un contatto a distanza per una consulenza/vendita?

  1. è assolutamente possibile perfezionare il contratto a distanza, avendo tutti i chiarimenti necessari via telefono, o via skype in videoconferenza;
  2. una volta richiesta l’emissione si procederà come segue: 1) bonifico della somma concordata; 2) spedizione via mail del contratto (accade entro pochi giorni dalla formalizzazione da parte nostra all’assicuratore dell’ordine fermo di emissione); 3) restituzione del contratto firmato anche con firma digitale (entro e non oltre i 7 giorni successivi); 4) non appena riceviamo le copie di nostra spettanza procediamo all’invio pressocchè immediato della quietanza.
  3. nessun costo aggiuntivo;
  4. il valore aggiunto è che la Provincia di Bari, per quanto ampia, consente di avere un referente in zona raggiungibile in caso di bisogno al massimo in 60 minuti di auto, con il quale poter interloquire di persona;
  5. in caso di sinsitro è suggerito incontrarsi di persona.

Come disdettare il contratto?

  • il contratto solitamente è munito della clausola di tacita proroga, pertanto va disdettato inviando una RACCOMANDATA A/R all’Assicuratore o, se consentito dal contratto, una PEC a probroker@pec.it;
  • nel caso in cui non si voglia rinnovare il contratto bisogna ricordarsi di rispettare i tempi di disdetta indicati nel contratto (quasi sempre 30 giorni prima della scadenza dell’annualità del contratto);

I prodotti marchiati LLOYD’S reperibili autonomamente sul mercato assicurativo sono tutti uguali?

No, assolutamente. I LLOYD’S non sono una Compagnia di Assicurazione, ma sindacati che trattano prodotti che possono essere anche molto diversi fra loro. Come detto più volte il CNI è stato uno dei pochi Ordini che hanno preso seriamente a cuore il problema della stipula per i propri associati di un valido contratto di RC Professionale. Sul mercato le soluzioni sono innumerevoli, fra Compagnie tradizionali e mercato anglosassone dei LLOYD’S. Ciò che ha fatto il Centro Studi, commissionato dal CNI, è stato di identificare quali fossero i criteri minimi di “sicurezza” per la specifica professione di Ingegnere, che dovevano essere contenuti nel prodotto assicurativo in convenzione.

Facebook

Get the Facebook Likebox Slider Pro for WordPress